Poesie

Un’esperienza felice nel blu

Ho imparato tante cose stando in compagnia
ho provato curiosità, gioia e allegria
ho imparato a fare i nodi
ho provato in mille modi
ho conosciuto nuovi amici che
di incontrarmi sono stati felici.
Che bella è stata questa esperienza
non avrei potuto vivere senza.
Grazie Crotone, grazie mamma
Ho imparato
che è bello andare sul mare, navigare…
Non vedo l’ora di ritornare.
Filippo Parini

L’intimità del mare

Attraverso gli occhi è autentica ammirazione
il suo profumo inebria la mia anima
e la sua intima profondità è un impulso incontrollato.
In quel mondo oscuro e ambiguo, misterioso e avvolgente,
dove il silenzio è rotto dal suono naturale del mio respiro,
in quel mondo che osservo con meraviglia e rispetto,
Spesso contaminato ma a volte straordinariamente libero,
la sua magia mi seduce
e mi scaglia in un altro universo,
in cui sogno di rivedere mio padre.
Simonetta Cuomo

I segreti del mare

Seduta su uno scoglio a picco sul mare
un’esile fanciulla nel suo bikini color cielo
guarda rapita l’orizzonte
mentre le onde bagnano i suoi piedi.
Sta lì da ore, assorta nei suoi pensieri
è un venticello fresco le accarezza i capelli.
Ad un tratto si alza e con le sue fragili mani
lascia andare un messaggio in una piccola bottiglia
affidando al Mare tutti i suoi segreti.
Maria Antonietta Grieco

Io e te

Lascio a te
L’ultimo sguardo
Lancio la sfida
Tra te e me
Non ho mai vinto nulla
Ma so per certo
Che questa ennesima sconfitta
Non mi farà male
Hai sempre vinto tu
Sei stato più forte di me
Più coraggioso
Più profondo
Più sincero
O mare mio
Adorato compagno di vita
Vinci ancora una volta
Fallo anche per me
Renditi ancora più infinito
E cancella ogni limite
Ogni orizzonte
Ogni riva, approdo
Lascia ogni uomo senza attracco
Che la libertà di perdersi
È quanto di più bello
Ci sia mai stato concesso.
Giovanna La Vecchia

A Bruna

L’anima mia negli occhi di mia madre ti brama
non trova consolazione alcuna
Ed il mio amore interrotto non sfama.
Cerco nel mio mare il riflesso della luna
cerco nelle onde, nel vento e nella sabbia una risposta
ma il mio cuore è straziato e non ne ottiene alcuna.
Il ricordo porta l’anima mia a quel giorno fatale
io sapevo, tu sapevi, ma la bocca non parlava
e di quel giorno ricordo solo il cuor che mi faceva male.
Ho perso una persona, l’ho persa troppo presto
e ancora guardo il mare e cerco una risposta,
ma questa non arriva ed io domando il resto.
“Mi darai delle risposte?” Chiedo a Dio, con i piedi immersi nella sabbia
Nella sabbia del mio mare crotonese, con l’acqua fredda che lambisce le mie gambe
quasi a misurare quanta forza abbia.
Sono ancora sulla riva e parlo al vento con il mare in burrasca,
mi placa, mi dà consolazione, lo fa da sempre e sempre lo farà,
è un balsamo che attenua la mia irrequietezza, forse, ma non basta.
Alessandra Pupo

Il mare di Crotone

Lo guardi
e lui ti guarda dentro,
si agita
e ti agiti anche tu,
come in simbiosi
ti travolge,
ma tu non ti lasci trasportare.
Libera, come il vento,
ammiri il mare di Crotone,
Ci passi di sopra,
e non sai dove andare,
ma quando ti allontani,
improvvisamente,
è il vuoto.
Oriana Dattola

INFINITO AZZURRO

Immerso in un mare calmo
e sovrastato da tonnellate d’acqua.
La fievole luce solare penetra a stento,
è qui che voglio stare.
Circondato da infinito azzurro,
riposano le membra.
Così sospeso e trascinato dalle correnti,
stupendo il vuoto in cui galleggio.
Sparito dagli sguardi della gente,
non ho più pesi da sopportare
e piano vado alla deriva
che tanto prima o poi toccherò terra.
Gianluca Facente

Lo spirito del mare

C’è uno spirito in fondo al mare,
che racconta di echi e di vele lontane,
di gabbiani, sovrani di un luogo incantato.
Racconta di navigatori solitari,
di poeti che aspirano all’infinito e
d’ispirazioni colte in riva al mare.
Racconta di sogni celati e di desideri
sussurrati alla luna, nell’infrangersi dell’onde.
Racconta di un sublime concerto,
perpetuo e mutevole,
ammaliante, come canto di sirena e
perdere la rotta è un istante,
il tempo d’un soffio e l’anima
naviga, oltre ogni logica e misura,
naviga oltre il tempo, tra i frammenti d’infinito.
Lo spirito del mare, permea con i suoi effluvi incantati,
le recondite stanze dell’anima.
C’è uno spirito in fondo al mare,
eterno custode di sogni e di segreti.
Mi ha rapita…
Lo spirito del mare, mi ha stregata col suo incanto.
Tiziana Stasi

Il dolore…all’improvviso

Eccoti…
azzurro e profumato
mi accarezzi i piedi
lentamente…
vai e vieni
dolcemente
danzi la tua danza come un innamorato
innanzi al suo amore.
Ti guardo
mi perdo nel tuo blu
chiudo gli occhi
mi immergo nella pace che mi doni.
Solo bene da te…
per la mia anima è il mio corpo
sensazioni dolci
di pace e infinito.
All’improvviso
un brivido mi scuote il cuore
un grido cupo rompe la mia pace…
innanzi agli occhi…braccia…
tante braccia alzate…no!
Tu le copri…le inghiotti! No!
Occhi neri piangenti mi bucano l’anima…no!
Il tuo azzurro abitato dalla morte…
perché non hai dato vita e salvezza anche a loro?
Parlo con te, o mare, che mi guardi muto
gridò a te…
ma miro al Cielo: perché?
Perché tanto dolore?
In fondo al mio cuore tuona la risposta:
per la bestialità degli uomini.
Maria Teresa Cizza

Mar d’amor

Su di uno scoglio
Se ne stava seduta
A fissar l’azzurro mare
Che lì l’aveva condotta.
Il sapore di sale sulla pelle,
a curar le cicatrici
impressi come tatuaggi.
Il mare che l’aveva salvata
Dalla guerra che via
I sogni le aveva strappato.
La luna nel suo splendore
Nel Mar si specchia
All’imbrunir del dì.
Mare che sussurra
storie di marinai.
Mare amico
del gabbiano che lo sfiora e vola via.
Cullata dalle onde,
soave melodia
lei, piccola,
s’addormenta.
Roby Modesto Maria Contarino