Confusione tra gli scacchi

In quel campo bianco e nero
Vi è racchiuso il mio pensiero
Circondato dal ricordo
Di quel mio cuor ormai morto

E annegando in quelli chiamati ricordi
Rividi una figura clandestina,
Il cui nome ormai distorto
E il volto tutto rotto

Si mosse così la regina di picche
Che trafiggendo il re del cuore
Vinse la partita dell’amore

Lorenzo Carbone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.