Il volo dei gabbiani

Rubavi dei miei sogni il respiro, quando a sera chiudevo a fatica gli occhi
vogliosi del buio;
Ora il mio radar si è arreso
sbiadito dai tuoi voli irraggiungibili, non in parallelo coi miei .
Ti ho atteso sulla battigia in compagnia dei gabbiani che nella notte si sono involati delusi verso orizzonti in cerca d’altri lidi.
Io ho resistito fino all’alba,
poi inquieto ho asciugato nel mare le lacrime dallo stesso sapore.
No non fermerò con le mani il tuo volo.
Io sereno aspetterò al primo sole
il ritorno in parata planante
dei gabbiani.

Domenico Pitingolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.