Rossetto rosso

Aspetto sfinita
che giunga la sera
Il tormento del dì
mi fa ancora paura
Bagno il viso di vita
e di sacri profumi
La seta sulla pelle è
morbido balsamo che
accarezza la mente

Stolte illusioni
Sogni di fanciulla
Rido di me ancora ribelle

Sul vecchio scrittoio
ritrovo lettere mai aperte
le tue e il rossetto che
m’hai donato proprio allora
Le labbra sottili le vesto
di rosso vermiglio
E il corpo si spoglia
di un giorno nefasto

Antonella Amato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.