Sera su Ogigia

Amavi il bagno al tramonto
Ulisse
e nuotavi sempre più lontano.
Ed io, pieno d’angoscia,
presaga d’altri distacchi
t’aspettavo a riva
senza toccare l’acqua.
Poi ti vedevo nudo e bello
gocce sulla pelle
e l’odore del tuo corpo
misto a quello del mare
col desiderio che m’abbracciava
come te
nell’infinito.
E la tua voce rauca
tra i capelli
quel respiro folle:
“Vieni qui…
Calipso…
Piccola strada…”
E protestavo
mentre mi scioglievi i capelli
mentre mi toglievi le vesti:
“Ti prego…
aspetta…
abbiamo un letto…”
Ma la voce era già spenta
nel piacere che mi davi
su quella spiaggia calda
amore mio maledetto.
Paola Deplano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.