Sul fare della sera

Sul fare della sera,
ormai stanco,
il contadino si fermò
per dare un ultimo sguardo
alla stagione appena terminata.
Alle foglie tremule e ingiallite,
ai prati umidi e desolati,
alle mattine pallide,
al vento fresco
che annuncia l’inverno
mancava ancora qualcosa:
il contrasto vivo
di una pennellata di colore,
uno squarcio di luce nel cielo,
una fiamma sacra
che tenesse accesa
l’attesa della primavera.
All’autunno mancavi tu.

Marco Ciconte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.