Tempus Fugit

Guardo le nuvole, queste
placide turbolenze..
Incedono lente lungo l’orizzonte
Ricordano carovane beduine che
percorrono rotte antichissime
impresse tra le stelle
Sembrano immote, da lontano
Non v’è fatica né affanno in esse.
Così i giorni nostri
Come perle nel filo del tempo
Passo dopo passo
Verso l’infinito.

Giovanni Cizza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.